DSA

/DSA
DSA2018-01-17T10:15:17+00:00

L’apprendimento scolastico sembra semplice.
Poi ti incastri da qualche parte.
Tu ti incastri ma gli altri no.
Ti senti diverso.
Se sei fortunato, fin da subito hai imparato come fare in modo che questo non abbia nulla a che fare con la stima che hai di te perché sei meraviglioso/a, così come sei, per quello che sei.
Se no, convinzioni poco utili sporcano la tua voglia di apprendere fino ad avere un impatto sulla tua identità, magari sui tuoi rapporti interpersonali, sulla voglia di interagire e farti comprendere.
Fino a diventare elementi caratterizzanti la tua identità.
Ecco che si crea un circolo vizioso, in cui non si comprende più dove inizia e dove finisce il problema di lettura, dove esattamente inizia a mescolarsi con un blocco emotivo, o a che punto interviene una convinzione che fa si che inizi a temere il confronto con i compagni o a evitare l’errore per paura del giudizio.

L’errore che di per sé, per chiunque, è il punto di partenza per migliorarsi ogni giorno, se riusciamo a distinguere che cosa esattamente possiamo fare meglio la prossima volta. Quale strategia stai applicando e qual è la strategia di apprendimento più naturale per te? Quella con cui hai imparato a parlare, a giocare, a camminare….

L’obiettivo di Intelligentia Docet:

Aiutarti a fermare quel circolo vizioso, scomponendo i passaggi che lo hanno creato e prendendo consapevolezza del tuo meccanismo di apprendimento per iniziare a creare e continuare a far crescere insieme a te, un circolo virtuoso.

Il meccanismo di apprendimento è, inoltre, strettamente connesso a come ti senti o a quello che pensi di essere.
In fin dei conti, se un’aquila si crede un pollo, diceva Anthony De Mello, l’aquila non riuscirà a volare nonostante la maestosità regale insita nella sua vera natura.

Nel racconto di De Mello, la nostra aquila, nata e cresciuta in un pollaio, aveva imparato in maniera innaturale a comportarsi come un pollo. Lei non avrebbe nessun problema a spiccare il volo, se non la sua profonda convinzione di essere un pollo e, di conseguenza, di non poter volare.

Ma… l’atteggiamento giusto senza le strategie giuste rischia di creare il famoso effetto boomerang.

Se si schianta probabilmente non vorrà più nemmeno provare a volare.

Invece, se nel momento in cui la mia aquila capisce di poter volare dovrò anche spiegarle come fare perché, nel momento di massima motivazione la mia aquila fa un tentativo dovrò essere lì a supportarla con le stategie giuste affinchè sbattendo le ali si ritovi su nel cielo più in alto possibile.

Troppo spesso le persone si incastrano in un punto in cui convergono pensieri che rigano la fronte, emozioni che ci stringono il cuore e strategie che paralizzano i progressi.

Un punto in cui queste si mischiano e distinguerle diventa impossibile, finché non le cerchi.

E le individui.

E le scomponi.

Così diventano emozioni che sollevano lo spirito, pensieri che formano idee, energia perché prendano forma.

Quello stesso unico punto in cui qualcosa che credevamo impossibile diventa possibile e poi fatto.

 

Come lo facciamo? Nello specifico, vedi anche…

Concentrazione e gestione dello stato d’animo
Dislessia
Disgrafia
Discalculia
Disortografia

PER INFORMAZIONI CHIAMA AL 3319702368 OPPURE COMPILA QUESTI CAMPI PER ESSERE RICONTATTATO ENTRO I PROSSIMI 2 GIORNI

Nome e Cognome (richiesto)

Città (richiesto)

Telefono (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio

Ai sensi del D.Lgs. 196/2003 e successive modifiche, dichiaro di avere preso visione dell’informativa e dell’art.13 e acconsento al trattamento dei miei dati personali, nei limiti e per le finalità indicati nella menzionata informativa.
Accetto

Sarai ricontattato entro 48 ore